Logo de ibercampus.it    Acceder a la versión normal
Ir a la noticia anteriorIr a la portadaIr a la siguiente noticia
Salute
Lo stile di vita dei giovani
Un disastro chiamato universitario

    

Una indagine condotta dall´Istituto Superiore di Sanità e dall´Universitá Cattolica sugli stili di vita degli universitari, boccia i giovani in: alimentazione, sedentarietà e prevenzione.

I giovani di 10 Universitá italiane intervistati da Sportello Giovani, sono bocciati a libretto.
Come c´era da aspettarsi, gli studenti vanno peggio delle studentesse anche fuori dalle aule universitarie: ma in generale i risultati dell´indagine sugli stili di vita dei giovani, parlano di un fallimento delle politiche di prevenzione e corretti stili di vita.
 
Solo 4 studenti su 10 seguono le raccomandazioni nazionali per il corretto consumo quotidiano di frutta e solo 2 su 10 quelle relative all’assunzione delle giuste quantità di verdura. Sono troppi gli studenti sedentari, 3 su 10 non svolgono attività fisica, stessa percentuale per quelli che hanno l’abitudine al fumo e 4 su 10 consumano settimanalmente vino e birra.
 
Scarsa l’attenzione alla salute riproduttiva per 3 studentesse su 10, che dichiarano di non essersi mai sottoposte a controlli ginecologici. Altissima l’attitudine verso le nuove tecnologie, con rischio di abuso e dipendenza: tutti gli studenti (uomini e donne) hanno almeno un telefono cellulare e 7 su 10 usano smartphone per essere sempre connessi.
Ultimo dato, ma non per importanza riguarda la salute mentale dettata semplicemente dalle ore che si dedicano al sonno. Il fabbisogno giornaliero va dalle 7 alle 8 ore, cosa che gli universitari trascurano e non poco.

Vogliamo parlare delle maratone di studio notturne il giorno prima dell´esame? 
Una tra le tante cattive abitudini che andrebbe cambiata.
 
Ma, malgrado questo dati, la grande maggioranza degli universitari italiani - ben 8 su 10 – si sentono in buona o ottima salute.
 
"Questi dati ci impongono di prestare una maggiore attenzione in tutte le politiche, e non solo in quelle sanitarie, all´educazione agli stili di vita salutari", ha detto Walter Ricciardi, Presidente dell’Istituto Superiore di Sanità. "Il vantaggio è doppio, individuale e collettivo".
Noticias de portadaOtros artículos de Salute
Quanto spendono gli italiani in dispositivi medici?
Arriva il nuovo vaccino per via aerosol
Nuovo Dipartimento di Oncologia alla Statale
Emblem, il defibrillatore sottocutaneo che salva dagli infarti
Ricerca di collegamenti fra cervello e sistema linfatico
© 2019  |  www.ibercampus.it   | Powered by 
Política de cookies  |  Política de privacidad
Ir a la noticia anteriorIr a la portadaIr a la siguiente noticia