Logo de ibercampus.it    Acceder a la versión normal
Ir a la noticia anteriorIr a la portadaIr a la siguiente noticia
Salute
Virus Ebola
Arriva il nuovo vaccino per via aerosol

    


I test sono stati effettuati utilizzando 12 scimmie, 8 di loro hanno preso il farmaco tramite aerosol, mentre le altre 4 tramite un vacino iniettabile. Si č dimostrato che la risposta immunitaria conseguente sia la medesima in entrambi i casi.

Nonostante il progressivo miglioramento della situazione, l´epidemia di Ebola non ha ancora raggiunto una fine. In Liberia, dichiarata lo scorso 9 maggio "Ebola free", sono stati registrati dal 5 luglio nuovi 30 casi. Questa ultima ondata rende necessaria la ricerca di un vaccino.

Importanti passi avanti giungono dai ricercatori della University of Texas e del National Institutes of Health di Bethesda, che in uno studio pubblicato sul Journal of Clinical Investigation descrivono il primo vaccino spray (più precisamente in formato aerosol), che agisce direttamente sulle vie respiratorie. Sulle scimmie ha raggiunto un livello di efficacia pari al 100%

Come vettore viene utilizzato un virus parainfluenzale umano, ingegnerizzato per esprimere una glicoproteina del virus ebola. La ricerca di questa via di somministrazione si spiega attraverso i due vantaggi che ne conseguono: la somministrazione tramite aerosol non necessita della presenza di un medico specializzato; è stato dimostrato che le mucose del naso e della bocca sono n’importante fonte di infezione per il virus ebola, e un vaccino spray fornirebbe un importante mezzo per aumentare la protezione immunitaria nel sistema respiratorio.

I test sono stati effettuati utilizzando 12 scimmie, 8 di loro hanno preso il farmaco tramite aerosol, mentre le altre 4 tramite un vacino iniettabile. Si è dimostrato che la risposta immunitaria conseguente sia la medesima in entrambi i casi. Una sola dose del nuovo vaccino è risultata inoltre sufficiente per proteggere al 100% da una dose di Ebola 100 volte superiore a quella letale. Il prossimo passo dovrebbe essere quello di cominciare i test del farmaco anche sugli esseri umani.
Noticias de portadaOtros artículos de Salute
Quanto spendono gli italiani in dispositivi medici?
Un disastro chiamato universitario
Nuovo Dipartimento di Oncologia alla Statale
Emblem, il defibrillatore sottocutaneo che salva dagli infarti
Ricerca di collegamenti fra cervello e sistema linfatico
© 2020  |  www.ibercampus.it   | Powered by 
Política de cookies  |  Política de privacidad
Ir a la noticia anteriorIr a la portadaIr a la siguiente noticia